set 192013
 
Ponzetto (Tokos) “Il debito italiano? Dipende dalla Banca Centrale”

La riduzione dello spread tra Bonos spagnoli e Btp italiani è “Un segnale di malessere da parte degli investitori istituzionali” secondo Giovanni Ponzetto, strategist obbligazionario di Tokos. La Spagna meglio dell’Italia, a giudicare dagli ultimi sei mesi di spread. Non stiamo usando l’occasione di fare le riforme. E rischiamo di fare una brutta fine…

Bookmark/Favorites
ago 302012
 
Destini incrociati: L’Europa e l’Euro. La svolta pro Draghi della Merkel

Secondo il Presidente della Banca Centrale Europea la Bce deve adottare misure straordinarie per abbassare gli spread nell’eurozona comprando titoli di stato dei paesi più in difficoltà. Ma il Presidente della Bundesbank non è d’accordo: comprare titoli dei paesi in difficoltà per sostenerne i corsi equivale a finanziare il debito pubblico degli Stati. E rischia per di più di disincentivare gli stati nel loro percorso di risanamento dei conti pubblici. In soccorso di Draghi arriva però l’insperato appoggio della cancelliera tedesca che ha capito da poche settimane che presentarsi alle elezioni senza più l’Euro non sarebbe un bel biglietto da visita. E con una Europa al collasso e i Bric in rallentamento anche la Germania non se la passerebbe tanto bene

Bookmark/Favorites
ago 092012
 
Salvare l’Italia con i soldi della Bce? Anche in Italia c’è chi dice no

Diversi commentatori sono scettici sul sostegno della Bce allo stato italiano: toglie il pressing necessario sulle riforme e sul riequilibrio dei conti pubblici. Ecco le ragioni dei contrarian all’intervento della Bce a favore dell’Italia…

Bookmark/Favorites
nov 242011
 
"ANGELA, O QUI SI FA L'EUROPA O SI MUORE".

La leggenda racconta che questa frase (nella versione “Nino, o qui si fa l’Italia o si muore”) fu rivolta da Giuseppe Garibaldi a Nino Bixio in risposta al timore da lui espresso che fosse impossibile resistere all’offensiva dei Borbonici nella battaglia di Calatafimi. Centocinquanta anni dopo si combatte sui mercati finanziari ed in ballo è la sopravvivenza dell’euro e una condotta decisa sarebbe richiesta ai governanti europei e in primis al cancelliere tedesco, Angela Merkel, che ha il vero comando delle operazioni. Ma al momento la situazione è tremendamente confusa. E l’Italia non può certo solo con la “carta” del governo tecnico Monti riuscire a salvarsi se….

Bookmark/Favorites